Giovedì 15 novembre alle 18.30 si terrà al CGS CLUB AMICI DEL CINEMA di Genova un incontro con Jacopo Quadri, importante montatore italiano e regista del documentario LORELLO E BRUNELLO. La serata proseguirà alle 19.30 con un aperitivo e alle 20.30 con la proiezione del film Lorello e Brunello. Questo è il primo appuntamento di “Professione cinema: MASTERCLASS CON PROIEZIONI”, un ciclo di quattro incontri con alcuni professionisti legati al mondo della settima arte.

L’iniziativa – a cura di Giancarlo Giraud e dei soci del Gruppo Ligure SNCCI Andrea Bosco e Juri Saitta – è una sezione interna del 27° MISSING FILM FESTIVAL – Lo schermo perduto. Progetto Speciale dell’Associazione Nazionale di Cultura Cinematografica C.G.S. “Cinecircoli Giovanili Socioculturali” e si prefigge di esplorare e approfondire le diverse figure professionali dell’universo cinema, da quella del filmaker a quella del distributore, da quella del documentarista a quella dell’attore. Tutti gli incontri saranno seguiti da un aperitivo e dalla proiezione di un film legata all’ospite.

Jacopo Quadri, oltre a essere regista e documentarista, ha anche una grande e importante esperienza come montatore, in quanto ha lavorato per autori come Bernardo Bertolucci, Gianfranco Rosi, Mario Martone e Paolo Virzì (suoi i montaggi di Capri-Revolution e Notti magiche).
La conversazione sarà quindi un’occasione per parlare sia del lavoro di documentarista sia del mestiere di montatore. Presentato in concorso al 35° Torino Film Festival, Lorello e Brunello è un documentario sulle difficoltà vissute da due agricoltori di Pianetti di Sovana, in Maremma, i quali vedono crollare il prezzo del latte e del grano, tutto a vantaggio dei grandi viticoltori, le cui condizioni economiche continuano a prosperare. Professione cinema proseguirà fino al 18 dicembre con altri tre appuntamenti che vedranno come protagonisti il distributore Ezio Leoni, l’attrice Petra Valentini e il filmaker Claudio Casazza. Tutto ciò all’interno di un’iniziativa che sarà portata avanti anche nel 2019 con un’altra serie di dibattiti e conferenze che ambiscono a esplorare sempre più a fondo i diversi lavori legati al cinema, inteso sia come arte sia come industria culturale.