Partire da un’opera filmica e dal potere evocativo delle immagini per arrivare emotivamente al pubblico: è questo l’obiettivo di “Pianeta Alzheimer”, evento trasversale in programma a partire dal prossimo 21 settembre in numerose sale cinematografiche italiane. Cuore di ogni appuntamento sarà la proiezione di Non temere, film cortometraggio del regista Marco Calvise che racconta la giornata di Giuseppe, malato di Alzheimer ad uno stadio avanzato, ricoverato in un istituto. L’uomo, una volta lucidissimo, è visto in tutte le problematiche di questa malattia: perdita della memoria, impossibilità di comunicare, difficoltà nel compiere i gesti quotidiani. Ad ogni proiezione seguirà un incontro sul tema, con l’intervento di esperti del settore sanitario, associazionistico e culturale.

L’evento, che toccherà numerose città italiane tra cui Verbania, Genova, Fabriano, Tarzo, Milano, Terni, Pescara, Roma, Bari, Pomigliano d’Arco, Palermo, Catania e Caltanissetta, è stato organizzato grazie al prezioso sostegno dei CGS – Cinecircoli Giovanili Socioculturali. Patrocinano il progetto Fondazione Manuli Onlus, A.I.M.A. – Associazione Italiana Malattia di Alzheimer e Associazione Alzheimer Roma Onlus. Quest’anno aderisce all’iniziativa anche Gruppo Korian, leader europeo nei servizi di assistenza e cura alla persona, con il coinvolgimento di due strutture dedicate. Settembre è il mese mondiale dell’Alzheimer, e in particolare il 21 del mese è la giornata celebrativa istituita nel 1994 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dall’Alzheimer Disease International per creare una coscienza pubblica sulla malattia e riunire in tutto il mondo malati, familiari e associazioni Alzheimer. “Visto l’ottimo riscontro dello scorso anno, abbiamo deciso di organizzare nuovamente le proiezioni del film perché crediamo ci sia bisogno di mantenere i riflettori puntati su questa malattia”, ha dichiarato Calvise. “Si sa ancora molto poco del suo decorso e spesso si interviene in maniera tardiva, quando ormai la malattia è a uno stadio avanzato. Per questo è di fondamentale importanza trovare luoghi e occasioni per informare e coinvolgere giovani e società civile”.

Il cortometraggio, girato a Roma presso la Casa di Riposo Santa Francesca Romana, è stato prodotto dallo stesso regista con Nicoletta Cataldo, che ne ha curato anche l’organizzazione; protagonista l’attore e doppiatore Francesco Carnelutti, che recita accanto ad Alessandra Costanzo, Domitilla D’Amico e Virginia Gherardini. La sceneggiatura è di Marco Calvise e Paola Savinelli, la fotografia di Federico Annicchiarico, il montaggio di Rosa Santoro, la scenografia di Matteo Cecconi e i costumi di Francesca Sciuga. Le musiche originali sono firmate da Gianfranco Marongiu.

Ufficio Stampa: Giulia Iannello – 328 6292879

Articolo pubblicato da “Il Corriere della Sera” online