Assemblea nazionale 2021: ripartenza e sguardo verso il futuro

Sabato 29 maggio 2021 si è tenuta, sulla piattaforma Zoom, l’assemblea nazionale ordinaria della nostra Associazione. Erano presenti circa 40 tra consiglieri nazionali, coordinatori territoriali e rappresentanti dei circoli sparsi per tutta la nazione. È stata un’occasione per accogliere nuovi volti del CGS – tra cui la nuova delegata del CIOFS suor Maria Grazia Tripi – e per fare il punto della situazione sullo stato di salute dell’associazione e sulle prospettive del prossimo futuro.
L’assemblea, dopo i saluti da parte del presidente Cristiano Tanas, si è aperta con un’introduzione guidata da Suor Maria Grazia e da suor Palma Lionetti (già delegata CIOFS), le quali hanno fatto riecheggiare alcune parole di Papa Francesco tratte dal Messaggio per la 55° giornata mondiale per le Comunicazioni sociali, con l’invito ad “uscire da noi stessi e ad andare là dove nessuno vuole andare”. A loro si è unito nel saluto don Roberto Dal Molin, presidente CNOS, che, citando il sogno dei nove anni di don Bosco (“questo è il tuo campo dove devi lavorare”), ha esortato tutti ad impegnarsi sia nelle proprie realtà locali, che al livello nazionale.
Il presidente ha esposto i passaggi principali della relazione annuale del 2020. Sebbene riguardasse un anno complicato come quello da poco terminato, la relazione contiene numerosi spunti positivi, che esaltano il grande impegno profuso sia al livello dei circoli locali che al livello nazionale (“Ci siamo dati da fare, ognuno ha fatto qualcosa nel suo piccolo. Molti si sono rilanciati e ricreati!”). Gran parte delle iniziative principali che promuove l’associazione al livello nazionale (tra cui il Laboratorio Venezia Cinema) sono state svolte come di consueto, le attività di segreteria e di promozione dell’associazione sono state garantite con continuità e ci si è mostrati pronti ad adeguare le numerose attività alle modalità da remoto, come è avvenuto – ad esempio – per le riunioni del consiglio direttivo nazionale, per gli incontri di formazione sul tema “Relazioni al centro” tenuti nel mese di marzo 2021 e per gli approfondimenti sulla riforma del terzo settore. È proprio quest’ultima riforma che rappresenta una sfida per tutti i circoli, che stanno provvedendo ad adeguare i propri statuti. Tra le notizie positive, il presidente ha detto che l’associazione al 31 dicembre 2020 conta 42 circoli in 14 regioni e 6 coordinamenti territoriali costituiti, grazie anche alla nascita del CGS Ubuntu di Recale (Caserta) ed alla rinascita del CGS XXI di Civitavecchia, che fu il primo circolo affiliato ai CGS nei 54 anni di storia dell’associazione. La presentazione della relazione annuale si è chiusa con il ricordo per chi ha sofferto per la pandemia e per le persone che in questo periodo ci hanno lasciato, in particolare l’ex presidente Candido Coppetelli di cui ricorre l’anniversario della morte il prossimo 8 giugno.
Il tesoriere, Emilio Santoro, ha riassunto il bilancio dell’associazione per l’anno 2020 sottolineando come, nonostante la riduzione dei contributi ministeriali, la gestione dell’ultimo quadriennio sia riuscita a garantire un “galleggiamento sostenibile” per l’associazione, e di come si siano rese più chiare e trasparenti le informazioni economiche e finanziarie. Il bilancio è stato verificato e confermato anche dall’Organo di controllo, rappresentato in assemblea da Alessandro Vincis, che ha sottolineato come la semplicità e la chiarezza della gestione abbiano reso tutti più partecipi delle dinamiche economiche dell’associazione.
Il presidente ha anche esposto la relazione preventiva per l’anno corrente. L’argomento principale è il rinvio dell’assemblea elettiva al 31 ottobre in modo da poterla tenere in presenza, a Roma. È importante poter effettuare in presenza tale assemblea, in quanto i membri degli organi direttivi devono essere conosciuti e deve essere chiaro a chi è affidata la gestione dell’associazione. A tal proposito, si è ampiamente ripetuto durante le ultime battute dell’incontro come ci sia la necessità che l’assemblea elettiva sia un momento di rilancio, pensando al futuro dell’associazione anche in termini anagrafici, dando fiducia ai più giovani che portano con sé competenze, cuore ed entusiasmo. Giovani che stanno già creando una rete anche al livello nazionale grazie agli incontri formativi organizzati dal direttivo nazionale e grazie a numerose iniziative proposte e organizzate in autonomia e con spirito di iniziativa. Nella chiusura della relazione preventiva, il presidente ha esortato nuovamente i circoli locali a prendere maggior coscienza delle proprie responsabilità gestionali ed amministrative, dall’adeguamento alla riforma del terzo settore fino al tesseramento dei soci, fondamentale perché siano garantiti i diritti statutari e perché si possano portare avanti molte iniziative. È stata riportata una proposta arrivata da parte dei Salesiani per il Sociale APS, che invita il CGS a diventare parte di una rete associativa (contemplata dalla riforma del terzo settore) insieme all’associazione TGS – Turismo Giovanile e Sociale, che permetterebbe di ampliare le opportunità per una presenza salesiana più rappresentativa a livello nazionale. Infine, è stato ricordato che la sede dell’associazione sarà trasferita, insieme alla comunità del CNOS, dall’Istituto Sacro Cuore all’Istituto Salesiano Pio XI in via Costamagna a Roma.
La votazione sulla relazione annuale e sul bilancio ha visto l’approvazione unanime da parte di tutti gli aventi diritto.
Oltre che con uno sguardo verso il futuro, l’assemblea si è chiusa con un occhio al passato: è stata infatti avanzata la proposta, accettata con generale accordo, di creare una memoria storica dei cinque decenni vissuti fin qui dall’associazione, mediante gli strumenti comunicativi a noi cari, che possa essere testimonianza del lavoro e della passione di tutti coloro che hanno gettato le basi per ciò che è oggi l’associazione Cinecircoli Giovanili Socioculturali.

Piergiorgio Geraci – CGS Don Bosco Ranchibile