Settembre 2020: nasce a Caserta l’Associazione CGS UBUNTU “Io sono perché noi siamo”. Il nucleo dei soci fondatori ha alle spalle un’esperienza di crescita e formazione all’interno dell’oratorio parrocchiale S. Antimo di Recale (CE) lunga 25 anni, dove ha sempre operato con grande entusiasmo e passione al servizio dei più piccoli. Nel periodo post Covid, non si presentano più le condizioni per continuare quest’opera nella comunità locale, per cui, consapevoli delle grandi potenzialità sviluppate durante gli anni di oratorio, con grande coraggio e forza di volontà, gli animatori decidono di cambiare volto, di costituirsi in associazione e di trasferirsi per poter continuare un bellissimo cammino che nessuno di loro aveva voglia di interrompere.
Si rispecchiano perfettamente nella proposta dell’Associazione Nazionale Cinecircoli Giovanili Socioculturali CGS, condividendone appieno le finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale; nel loro statuto sono ben lieti di affermare che le attività che sono state sempre il centro del loro interesse, quali il teatro, la musica, il cinema, la cultura in generale, con esplicito riferimento al sistema educativo-pastorale di San Giovanni Bosco ed allo stile salesiano, possono diventare inedite forme di testimonianza della loro fede giovane verso altri giovani.
La scelta del nome UBUNTU “Io sono perché noi siamo” si ispira ad un’ideologia africana che si focalizza sulla lealtà e sulle relazioni reciproche delle persone; indica la benevolenza verso il prossimo, il rispetto dell’altro, esortando a sostenersi ed aiutarsi reciprocamente; la scoperta del vero significato della propria vita nel momento in cui si mette in relazione con la vita degli altri : Ama il prossimo tuo come te stesso.
Il gruppo, composto da una ventina di giovani dai 17 ai 35 anni e supportato dalla presidente, salesiana cooperatrice, si è subito messo in moto confermando la splendida sinergia, identificando dei progetti a breve termine, che tenendo conto anche della situazione di emergenza Covid che stiamo vivendo, prevedono, per la fine di ottobre, “La Festa della Luce” attraverso la quale riscoprire “la presenza del silenzio e il silenzio della presenza” di quel Gesù … che non sbaglia mai un colpo nell’indicare ciò che rappresenta la vera bellezza, la vera Luce!, cui seguirà la presentazione di un libro. A dicembre, il gruppo sarà impegnato nella realizzazione di un Mini Musical natalizio più altre attività con il coinvolgimento della comunità che li ospita.
Per chi avesse voglia di conoscerli un po’ di più, trova nella pagina facebook UBUNTU CGS Caserta, parte della loro storia e dell’ultima esperienza vissuta nei mesi da Marzo a Maggio, durante i quali, raccogliendo l’invito ministeriale a “rimanere a casa” ha avuto origine la mini-serie web #stattacasashow, con l’obiettivo di trasformare i momenti di forte stress, che hanno privato tutti noi della libertà di uscire, in momenti più leggeri su cui sorridere insieme.

Daniela De Bartolomeo, presidente CGS Ubuntu